FUNERALI DI MONS. GIOBBE GAZZONI

Monsignor Rettore alle esequie di Don Giobbe a Cesena

 

Al termine della celebrazione eucaristica esequiale il Vescovo Diocesano Mons. Douglas Regattieri, dopo le note biografiche di Monsignor Giobbe Gazzoni, lette da Mons. Pietro Altieri del Capitolo della Cattedrale di Cesena, ha dato la parola a Mons. Manicardi, Rettore dell’Almo Collegio Capranica.

Don Gildo è intervenuto anche in sostituzione del capranicense Vescovo ausiliare di Roma, Gianpiero Palmieri, Vicario di Roma, ma, purtroppo, impossibilitato per un disguido ferroviario a giungere in tempo per le esequie. S.E.R. Monsignor Palmieri era stato inviato come rappresentante del Card. Angelo De Donatis, Vicario di Roma, diocesi nella quale Don Giobbe è stato incardinato dal 1994.

Davanti ai familiari e agli amici cesenati, Don Gildo ha dato un saluto affettuoso a Don Giobbe, rappresentando l’Almo Collegio Capranica e anche, in quanto Canonico Benedettino, il Capitolo Liberiano. Era presente anche il Maestro Monsignor Valentin Miserachs Grau, attuale Presidente e Camerlengo dello stesso Capitolo.

Don Gildo ha parlato soprattutto a nome dei tanti Ex-alunni Capranicensi, mettendo al primo posto il Card. Paolo Romeo, già Presidente della Commissione Episcopale dell’Almo Collegio Capranica, e ricordando i tanti Ex alunni che hanno trovato in Don Giobbe un amico e un sostegno fraterno, cordiale e sincero.

Tra i tanti messaggi, giunti via e-mail al Collegio a ricordare i 25 anni della prefettura di Don Giobbe agli studi, è stato letto quello di un Ex-alunno della diocesi di Cosenza-Bisignano, che riportiamo qui sotto.

Un Uomo mite

che ha portato avanti nella vita

la difficile “impresa della Gioia”.

È difficile pensare che la Gioia

che si scorge nel volto di un uomo

possa non avere radici profonde.

Dallo sguardo si scorge la profondità

dei pensieri del Cuore.

 

Molte avversità nella vita indurrebbero

ad abbandonare la speranza, la lieta speranza del meglio, del giorno che verrà e, persino verso la fine della vita, della vita eterna,

Ma è beato quell’Uomo che accoglie nel suo cuore la Lieta Speranza della Vita eterna.

 

Grazie Don Giobbe

Possa Tu godere nel Signore

quella Gioia di cui sei stato per noi il segno, in questa vita terrena,

con la tua lieta speranza della Vita eterna.

 Riposa in Pace, Amen

(Fabio De Santis)

 

 

Articolo del Corriere Cesenate