COSTA PAOLO

“L’obiettivo di questo lavoro richiede un’accurata analisi non solo delle fonti letterarie e giuridiche, ma anche delle testimonianze epigrafiche e archeologiche. Non spaventato dalle sfide di questo genere di ricerca, l’autore procede a esaminare, attentamente e criticamente, un ampio spettro di fonti primarie, che spesso sono ignorate dagli studiosi neotestamentari.
Il risultato della ricerca è una descrizione molto ben informata della vita sociale e culturale di Tessalonica antica, che aiuta a illuminare il significato di molti interessanti e intricati dettagli che sono parte del racconto lucano della missione di Paolo nella città”.
          Dalla Presentazione di D. P. Béchard.

“Il lavoro di Paolo Costa attesta la bontà dei risultati che si possono ottenere in una ricerca impegnativa e delicata sugli Atti degli Apostoli, ove si allarghi l’orizzonte all’esperienza giuridica romana, non come orpello e dotta citazione, ma con indagine correlata che può svolgere chi, come l’autore, ha notevole capacità di cogliere l’essenza dei problemi, sorretta da sensibilità nell’uso delle fonti e da acutezza interpretativa nelle questioni testuali”.
          Dalla Postfazione di M. Bianchini

Paolo Costa (Genova 1985): Presbitero della Diocesi di Genova, ha conseguito la Laurea magistrale in Giurisprudenza con tesi di ricerca in diritto romano e la Licenza in Sacra Scrittura presso il Pontificio Istituto Biblico, ove svolge gli studi per il dottorato.
Ha pubblicato articoli di argomento giuridico e biblico; insegna Esegesi e Teologia del Nuovo Testamento presso la Sezione di Genova della Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale.
Paolo Costa ha vinto il premio Dr.Marc and Mrs.Rachelle Bibeau come miglior Licenziato in Sacra Scrittura presso il Pontificio Istituto Biblico nell’anno accademico 2017/2018.
Il presente lavoro deriva dalla rielaborazione della sua Tesi di Licenza.
Attualmente è alunno dell’Almo Collegio Capranica.