RINDONE SALVATORE

 

 

Salvatore Rindone (1987) è sacerdote della diocesi di Piazza Armerina (EN) e dottore in Filosofia presso il Pontificio Ateneo S. Anselmo in Urbe. Insegna presso l’ISSR della sua diocesi e collabora con alcune riviste italiane come traduttore, curatore e saggista. Specialista su temi di filosofia contemporanea e di filosofia della religione, ha scritto sul pensiero e l’opera di Pareyson e di Vattimo ed è co-curatore del volume Ermeneutica, cristianesimo, politica. Intorno a Gianni Vattimo (Aracne, Roma 2018). Il presente libro è la pubblicazione integrale della sua tesi di dottorato discussa nel giugno 2016, tesi vincitrice del “Premio S. Anselmo 2017”.

 

 

 

PRESENTAZIONE DEL VOLUME:
Pensiero della trascendenza e pensiero della temporalità è il binomio che risulta dall’interpretazione che Pareyson e Vattimo fanno del pensiero di Heidegger. Da questo duplice accostamento nasce la possibilità di rinvenire la genealogia del pensiero dei due filosofi italiani, nonché di rintracciare una rilettura dell’intera opera del filosofo tedesco. La divisione in due parti del saggio favorisce sia una lettura accurata circa la recezione del pensiero di Heidegger in Italia sia una sua possibile interpretazione come pensiero che si pone al crocevia della filosofia occidentale, alla fine della metafisica, e che inaugura un nuovo modo di considerare l’ermeneutica, elemento comune quest’ultimo della riflessione dei tre filosofi.