L’ex alunno don Luca Albanese, vicario episcopale per gli affari giuridici e amministrativi della Diocesi di Nardò-Gallipoli, ha fatto dono alla Biblioteca del Collegio dei due volumi pubblicati dall’Ufficio affari amministrativi e legali, di cui è Direttore, il Vademecum e il Formulario per l’amministrazione parrocchiale.

Il Vademecum, frutto dell’esperienze parrocchiali condivise nel corso dell’ultimo decennio, è un prezioso strumento per la gestione amministrativa della parrocchia. «Per chi da anni vive il difficile compito dell’amministrazione, il Vademecum sarà solo un incentivo a confermare e custodire il prezioso lavoro fatto nel tempo. Per altri presbiteri, magari più giovani e alle prese con i primi passi nel ministero parrocchiale, il sussidio potrà costruire senz’altro un piccolo aiuto, una prima ma sicura forma di orientamento» (dall’Introduzione).

Il Formulario è un aiuto per la compilazione degli atti più ricorrenti nella prassi amministrativa: richieste di licenza all’Ordinario diocesano, modulistica per la rendicontazione, moduli contrattuali, schemi per testamenti, privacy, inventario dei beni ecc.

L’ex alunno Alberto Cheti ha fatto dono alla Biblioteca del Collegio del suo libro, L’anno della morte di Luigi Crocetti. Un racconto di biblioteconomia.

«Il racconto evoca i dialoghi immaginari tra un allievo e il maestro avvenuti dopo la morte di quest’ultimo. Il maestro è Luigi Crocetti, una figura ben nota e indimenticabile nel mondo delle biblioteche […] La morte del maestro suscita nell’allievo il desiderio di conversare con lui su alcuni temi legati all’attività delle biblioteche, relativi in particolare alla catalogazione semantica. Nei colloqui, complice l’emozione per la scomparsa del maestro, si insinuano quasi inevitabilmente sentimenti, ricordi, descrizioni di paesaggi, semplici e un po’ ingenue riflessioni su alcuni temi della vita. […] Seppure in forma narrativa, il testo ripercorre alcuni passaggi chiave degli scritti di Crocetti e intende anche contribuire alla ricostruzione della sua biografia intellettuale» (dalla quarta di copertina).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *